Home Page

Chi siamo

Don Emilio Verzeletti

NEWS

Rivista

Editoria

Scuole d'Arte

XXXII Stagione d'Arte

Festival Pianistico

Galleria Fotografica

Video

Organo

Concerti Promossi

Storia recente

Amici del Circolo

Articoli

Contatti

Blog

 

 

ARTISTI IN PIAZZA A SAN PAOLO
Impressioni di una giornata particolare

di Moretti Gionata
22/03/2005

E' sempre emozionante accorgersi di come l'arte tocchi vivamente il cuore dell'uomo. Essa Ŕ infatti la pi¨ viva espressione dell'interioritÓ umana.. continua e sublime tensione verso la bellezza. E' importante vedere come la gente si fermi di fronte ad un'opera d'arte e rifletta, colpita da quella dolce e vaga sensazione di fascino che determina un momentaneo isolamento dal caos del mondo. Ed Ŕ proprio questo interesse profondo che ha animato i numerosi partecipanti ad un evento ormai tradizionale per il nostro piccolo, ma vivo, paese: la rassegna di arti figurativo-musicali meglio nota come " Artisti in Piazza", giunta alla XI edizione. Tale manifestazione, promossa e organizzata dall'attivo Circolo Culturale "Don Emilio Verzeletti", con il patrocinio del Comune di San Paolo, ha visto centinaia e centinaia di persone di ogni etÓ ammirare le opere degli artisti pi¨ noti del nostro comune e di quelli limitrofi. L'ambiente accogliente della centralissima piazza del paese ha amplificato il carattere scenografico dell'insieme.
GiÓ dal primo mattino i raggi del sole hanno accompagnato l'arrivo degli artisti, volenterosi di partecipare alla singolare manifestazione per dare una dimostrazione della propria abilitÓ, avvantaggiati dalla pianificazione impeccabile e dall'impegno costante degli organizzatori, che permettono una precisa ed ordinata distribuzione degli ottantacinque maestri iscritti. Mentre il sole si alza in un cielo terso e una leggera brezza corona la giornata primaverile che sta per iniziare, numerosi passanti cominciano a riempire progressivamente l'ambiente, colpiti dalla variegata molteplicitÓ delle esperienze artistiche presenti. Chi giunge nella piazza dalla via principale non pu˛ non imbattersi nelle magnifiche creazioni del rinomato scultore Bombardieri, che colpiscono per le loro linee essenziali, ma estremamente espressive, e per l'equilibrio dinamico derivante da un sapiente utilizzo dei vuoti e dei movimenti contrapposti. Proseguendo, si rimane affascinati dalle forme contorte e surreali del pittore Nicoli, dai paesaggi di Zani, dai ritratti di Crotti e da molte altre suggestive rappresentazioni pittoriche.
In prossimitÓ del mezzogiorno, quando la gente esce di Chiesa e, chiacchierando, si avvia a casa per il pranzo con il buon umore tipico di questa parte della giornata festiva, la piazza si riempie completamente: c'Ŕ chi ammira le interessantissime tecniche di costruzione dei pianoforti dei fratelli Passadori, chi si ferma ad osservare i disegni a china di Alghisi o le raffinate decorazioni su legno, metallo, porcellana. Molti sono interessati dal restauro degli orologi e degli strumenti musicali di Piacentini, altri dai personaggi del presepe in movimento, mossi da ingranaggi e meccanismi complessi. Per ripararsi dal sole, molti passanti si fermano sotto i portici del Municipio, dove si trovano le stupende nature morte di Loda, che insegnano come si possa "creare da un'insignificante bottiglia un quadro", per usare le stesse parole dell'artista, e la rassegna fotografica di Bono e Moretti: toccanti inquadrature, scorci espressivi, sguardi profondi, che esaltano la natura e l'uomo.
Finita la mattinata, gli artisti e gli organizzatori si spostano al poco distante Centro Diurno per il pranzo di rito. Nel pomeriggio la gente affluisce copiosamente, ed Ŕ interessante notare come molti rimangano particolarmente colpiti dalle opere che gli artisti realizzano sul posto: Ŕ infatti molto avvincente osservare le diverse tecniche adottate dai maestri, scrutare le diverse fasi del lavoro e accorgersi con meraviglia di come un'opera possa emergere a poco a poco da una tela o da un blocco di argilla. Mentre il sole comincia a declinare dolcemente e le ombre si allungano, il clima festoso continua a pervadere gli animi gioiosi. L'armoniosa melodia delle cornamuse e le tonalitÓ rossastre di un cielo in cui minacciose nubi compaiono all'orizzonte, creano quell'atmosfera surreale e quella luminositÓ toccante che pi¨ di ogni altre si addicono alta dolce contemplazione. La gente, che si era incontrata e aveva serenamente discusso tra un'opera e l'altra, ora si accinge a tornare a casa, con il vivo ricordo della particolare giornata vissuta, in grado di sconfiggere quella malinconia che spesso accompagna la sera del dý di festa.

Uno scorcio di Piazza Aldo Moro durante l

Uno scorcio di Piazza Aldo Moro durante l'edizione 2004

Torna all'Archivio Articoli

 

1986 - 2018 Trentaduesima Stagione d'Arte

Privacy Policy Cookie Policy