Home Page

Chi siamo

Don Emilio Verzeletti

NEWS

Rivista

Editoria

Scuole d'Arte

XXXII Stagione d'Arte

Festival Pianistico

Galleria Fotografica

Video

Organo

Concerti Promossi

Storia recente

Amici del Circolo

Articoli

Contatti

Blog

 


ERNESTO ROVERSI

Ernesto Roversi
Ernesto Roversi vive e lavora a
Bagnolo Mella (BS) in via Brescia, 2
Tel. 030.68.20.494
website: www.roversiernesto.it
Alcune opere di Ernesto Roversi:
 
Ernesto Roversi, giovane artista bresciano, vive e lavora a Bagnolo Mella (BS).
Grazie agli studi artistici intrapresi sotto la guida del M° Franco Bertulli, apprende i fondamenti delle tecniche figurative, dalla matita alla pittura ad olio, passando attraverso il pastello. Predilige i generi pittorici del ritratto, delle nature morte e del paesaggio, che dipinge en plain air.
Da anni collabora con il Circolo Culturale Don Emilio Verzeletti di San Paolo, fondando la Scuola di Pittura del Circolo, gratuita ed aperta a tutti, della quale è stato per diversi anni insegnante. La sua collaborazione col Circolo continua tuttora essendo egli entrato a far parte del Direttivo.
Ha aperto un sito internet in cui ha pubblicato alcuni suoi lavori e stralci di critica.


Dicono di lui:

La pittura ha una base precisa fondamentale: il disegno. Tu Ernesto questo lo hai compreso molto bene e disegni non come uno della tua età, ma veramente come un artista carico di anni di esperienza. Essendo passato da una rigida conoscenza dei grandi artisti del passato, ti sei formato per il momento ad una visione reale. Può darsi che in futuro tu ti spinga ànche all'astratto, ma certamente lo faresti con cognizione di causa. I tuoi disegni, i tuoi pastelli, i tuoi dipinti sono espressione reale di una grande osservazione e di rigida pazienza. Sono sicuro di poter affermare che nella grande famiglia degli artisti tu un domani potrai essere un pittore di grande prestigio.

(Franco Bertulli)


Spesso noi confondiamo l'originalità con il ghiribizzo; in realtà essa significa "tornare alle origini". E le origini dell'Arte sono date anche dall'umile e faticoso artigianato, da quello che si chiama, con pieno rispetto, il "mestiere". Non è sOlo per burla che Canossi nella "Passeggiata di Maccheronica Gambara" elogia il Moretto "che masnava lui stesso i suoi colori con un sistema suo inimitabile"...
La pittura di Roversi dà questo senso di autenticità, di adesione primaria alla realtà in vista della sua trasfigurazione. I due aspetti mi sembrano felicemente fusi nei suoi quadri, che rivelano insieme sia la nitidezza del tratto, come la fantasia del colore...
Il cammino dell'immedesimazione, per la quale il pittore dà vita e voce alle cose, si fanno linfa spirituale nell'animo dell'autore. E siccome l'artista non lavora mai solo per sé, ma per la gioia di comunicare, ecco che anch'egli diventa un dono per la comunità degli uomini.

(Mons. Gianni Capra)


E sono qui a riassumere in una sola sequenza il gradimento visivo che mi ha colto nel guardare alcune produzioni di un pittore che può sembrare essere nato da poco e che, invece, non poche primavere ha già posto sulle sue spalle di "giovane di leva", in procinto d'andare soldato.
Da qui l'anticipazione di un avvenimento - una mostra personale - dettata, imposta dal tempo che urge, insieme con gli entusiasmi di un'età "giovane"... Roversi, malgrado la giovane età non si presenta al lancio di questa sua personale come l'iniziato di fresco, né come la giovane promessa. Per la semplice ragione che il "nostro" è "pittore nato".
I tempi della mia professione rosicchiano, ormai, anche i dettagli di una mia disponibilità. Oggi scrivo di queste cose, soltanto quando, ovviamente, ne vale la pena. Sono tempi, per molti critici, eccessivamente inflazionati: non è possibile che ogni giorno coincida con la scoperta di un nuovo talento. Guai se per il critico il suo scrivere si fa "mestiere"...
Fisionomie, occhi di chi guarda occhi esplorati, il paesaggio, il ritratto, l'invenzione, anche quando non del tutto peregrina, ma osservata e carpita "fame" di dentro, si avvicendano nelle numerose opere spesso eseguite di getto, ma nel rispetto di quanto il passato e il presente impongono come "passaggi" non evitabili.
Il "chi vivrà vedrà" è battuta che non va riferendosi al giovane talento...

(Achille Rizzi, regista)

Torna all'elenco degli Amici

1986 - 2018 Trentaduesima Stagione d'Arte

Privacy Policy Cookie Policy